La smart connectivity vale un punto di PIL

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteE-commerce: la "concorrenza asimmetrica" non teme la Web Tax
  • SuccessivoGoogle: Smart Compose per il completamento automatico dei testi
La smart connectivity vale un punto di PIL

Il Global Connectivity Index 2019 di Huawei evidenzierebbe come l'Intelligenza Artificiale sia uno dei fattori chiave insieme al Cloud, all'ioT e alla broadband per incrementare il giro d'affari prodotto dalla connettività. L'indice prevede di attribuire un punteggio ai Paesi analizzati sulla base dell'impiego di AI in questo settore, superare i 65 punti determinerebbe automaticamente un incremento del fatturato a livello nazionale.

Lo studio effettuato per stilare la classifica ha coinvolto 79 Paesi in grado di generare da soli il 95% del Prodotto Interno Lordo mondiale, tra di essi vi è anche l'Italia che si sarebbe classificata al 27° posto con un punteggio pari a 57 ("Adopter"). Appena 8 punti ci separerebbero quindi da una posizione che permetterebbe di registrare un aumento del PIL dell'1%.

Continua dopo la pubblicità...

Secondo i ricercatori del colosso asiatico, perché il PIL di una determinata area goda dell'effetto moltiplicatore derivante dalla smart connectivity sarebbe sufficiente superare i 35 punti, mentre una volta oltre i 65 punti il contributo alla crescita economica tenderebbe ad essere fino a 2.4 volte più rapido per ciascun punto succesivo a tale soglia.

Per la Penisola si prevede una crescita nella richiesta di servizi legati all'IoT, mentre sarebbe già sostenuta la domanda di soluzioni per il Cloud Computing, la sicurezza informatica e l'e-commerce. A favorire questi mercati sarebbe stato anche uno dei tassi di utilizzo della telefonia mobile più elevati a livello mondiale e una crescita dell'1% della copertura 4G nel 2019.

Sempre secondo l'Index di Huawei, i mercati in grado di ottenere i risultati migliori saranno quelli in grado di coordinare al meglio i contributi dei decisori (governi e grandi aziende), realtà che raccolgono i dati, Data Scientist, aziende innovative e utilizzatori di servizi. Da questo punto di vista l'Italia sarebbe protagonista di performance poco al di sopra della media a livello mondiale.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.