Social network: il virus del discredito

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAggressione a Berlusconi: la guerra del Web
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

In Italia si tratta di un fenomeno ancora limitato, ma in altri paesi come gli Stati Uniti è estremamente diffuso: sui social network si vanno diffondendo dei malware che puntano a gettare discedito sulla credibilità degli utenti iscritti, in particolare dei frequentatori di Facebook e Twitter.

Un esempio per tutti: Matt Marquess, un impiegato di San Francisco il cui account su Twitter ha infatti cominciato improvvisamente a inviare agli amici offerte su prodotti della Victoria's Secret, il noto marchio di abbigliamento e biancheria intima femminile.

L'Americano on si era accorto di nulla fino a quando qualcuno dei suoi contatti non gli ha fatto notare quanto fosse sconveniente bombardare gli account degli amici con pubblicità relativa alla vendita di mutande e altro underwear; ma il tutto avveniva a sua insaputa.

Secondo una recente ricerca svolta dall'agenzia per la sicurezza on line Web Sophos, circa il 21% degli utenti è stato contattato tramite messaggi indesiderati; i risultati sono stati confermati dai laboratori della Kaspersky secondo cui ogni 500 link postati su Twitter uno è a rischio malware.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.