Solo energie rinnovabili per Google

Solo energie rinnovabili per Google

Mountain View avrebbe pianificato di utilizzare esclusivamente energie rinnovabili per la propria infrastruttura; se tale progetto dovesse essere portato a termine con successo, entro il prossimo anno l'intero parco Data Center di Google dovrebbe basare il proprio funzionamento su soluzioni in grado di garantire un impatto zero a livello ambientale.

Non parliamo naturalmente di un'iniziativa recente, ma del futuro completamento di un lavoro iniziato nel corso del 2010, cioè quando l'azienda californiana siglò il suo primo contratto per l'acquisto energia elettrica da un parco eolico situato nello stato USA dell'Iowa e in grado di produrre fino a 114 megawatt di potenza.

Da allora la svolta "green" di Big G è stata caratterizza da importanti passi avanti, ad oggi la compagnia vanta accordi di fornitura per 2.6 gigawatt tra energia eolica e solare, una misura che rende di fatto questa multinazionale come il più grande acquirente di energia derivante da fonti rinnovabili in ambito enterprise e non solo.

Per il momento Google punta in particolare sull'eolico, una scelta dovuta al fatto che il solare presenta un maggiore impegno dal punto di vista degli investimenti; l'alternarsi tra le ore diurne e quelle notturne rende infatti necessario l'utilizzo di appositi accumulatori per garantire continuità nell'alimentazione dei server.

Continua dopo la pubblicità...

Tra le intenzioni di Mountain View vi sarebbe anche quella di produrre energia in modo autonomo, ciò però potrebbe non avvenire nel breve periodo, anche in considerazione del fatto che i prezzi correlati alle forniture di eolico e solare sono diminuiti notevolmente (60% per il primo e addirittura l'80% per il secondo) nel corso degli ultimi anni.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.