Sony sotto choc: trafugati altri dati!

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteTwitter lancia il pulsante "Follow"
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Sony sotto choc: trafugati altri dati!

Il colosso nipponico non conosce pace: si tratta di un periodo davvero nero per Sony caduta vittima, ancora una volta, dell'attacco di alcuni cracker che avrebbero trafugato i dati personali di circa 1 milione di clienti dell'azienda. A testimonianza dell'avvenuta azione criminale, i cracker hanno pubblicato in Rete - utilizzando i canali di BitTorrent - un file con i dati personali di circa 39mila persone.

Il gruppo di cracker LulzSec ha pubblicato in Rete un comunicato con alcuni dettagli circa l'incursione telematica: "abbiamo recentemente avuto accesso a SonyPictures.com ed abbiamo compromesso le informazioni di 1 milione di utenti, comprese password, indirizzi email, indirizzi di casa, data di nascita ed ogni sorta di dato Sony associato ai loro account. Oltre ad altre cose, abbiamo anche compromesso tutti i dettagli degli admin Sony Pictures (incluse le password), 75 mila "music code" e 3.5 milioni di "music coupon"".

Con tutta evidenza l'azione ha quale scopo principale il minare la credibilità (già ampiamente compromessa dal 19 Aprile scorso) di Sony, più che di utilizzare i dati rubati a fini truffaldini. Il gruppo LulzSec, infatti, prosegue spiegando che l'attacco è stato condotto con "tecniche piuttosto semplici" e, una volta ottenuto l'accesso, è stato loro possibile trafugare i dati degli account, comprese le password che erano state archiviate in chiaro (cioè in modo non criptato, cosa che normalmente si fa per dati sensibili come, appunto, le password).

Ancora una volta Sony incassa una brutta figura dimostrando come, purtroppo, l'architettura informatica messa in piedi dai tecnici dell'azienda risulti inadeguata dal punto di vista della sicurezza. Una cosa è certa: Sony deve premurarsi di rimettere tutto a posto il prima possibile, in caso contrario l'attività dell'azienda potrebbe non riprendersi dagli effetti di quello che sembra un vero e proprio tsunami informatico.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.