Strongbox: l'anonimato secondo The New Yorker

The New Yorker, uno dei portali di informazione più frequentati della Rete, ha lanciato la piattafoma Strongbox che dovrebbe consentire agli utenti di inviare file rimanendo completamente anonimi; una volta trasmesso un leak questo non potrà essere utilizzato per risalire al mittente.

Strongbox

Il servizio basa il suo funzionamento sulla nota rete TOR (The Onion Router), ad oggi probabilmente l'unico network per l'anomizzazione sufficientemente affidabile, essa sarebbe stata scelta perché già abbondantemente testata in numerosi altri progetti.

Continua dopo la pubblicità...

Gli utilizzatori potranno caricare i propri file tramite Strongbox e questi giungeranno (crittografati) ad un server esterno che nulla ha a che fare con le infrastrutture telematiche di The News Yorker; a questo punto si potrà procedere al ritiro dei documenti senza rischi per l'"informatore".

E' da segnalare che quello di Strongbox non è un progetto completamente originale, ma parte da un'idea sviluppata da Aaron Swartz, programmatore scomparso tragicamente pochi mesi fa, che aveva implementato un sistema per la comunicazione anonima di informazioni alla Stampa.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.