Telegram Premium: 5.99 euro al mese in Italia

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle Analytics è "illegale" in Italia. Decisione shock del garante della Privacy!
  • SuccessivoApple: niente CAPTCHA con Private Access Tokens
Telegram Premium: 5.99 euro al mese in Italia

Telgram Premium, la versione a pagamento della nota applicazione per la messaggistica istantanea concorrente di WhatsApp, costerà 5.99 euro al mese in Europa e quindi anche nel nostro Paese. A confermarlo è una notifica che diventa visibile una volta lanciato il servizio sul proprio smartphone, nel messaggio i responsabili della piattaforma ricordano che essa raccoglie ormai oltre 700 milioni di utilizzatori.

Il prezzo dell'abbonamento era già stato anticipato da alcune indiscrezioni circolate in Rete nelle scorse ore, nonostante ciò non si può ignorare quanto esso appaia abbastanza elevato, sopratutto se lo si confronta con quello previsto per l'utenza statunitense che è pari a 4.99 dollari al mese. Le ragioni di tali scelte non sarebbero state ancora chiarite.

Telegram Premium consente di accedere ad alcune funzionalità esclusive, come per esempio la possibilità di caricare file fino a 4 GB, 10 reaction aggiuntive con cui rispondere ai messaggi ricevuti, la rimozione completa dei messaggi pubblicitari dai canali, la conversione in testo dei messaggi vocali e la possibilità di silenziare le chat automaticamente.

L'attivazione di una sottoscrizione, che comunque potrà essere disabilitata on demand, permetterà anche di arricchire il proprio profilo con una bio più lunga nella quale inserire anche un link, con un badge a scelta da rendere visibile di fianco al proprio nome e con la possibilità di utilizzare un video invece di un'immagine statica per il proprio profilo.

Come sottolineato dai portavoce di Telegram, l'ecosistema dell'applicazione è divenuto ormai troppo grande per essere gestito con il solo supporto dell'advertising, gli abbonamenti permetteranno a chi paga di accedere a delle feature dedicate e a tutti gli altri di continuare ad utilizzare la versione gratuita del servizio con le medesime funzionalità di sempre.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti