Tim Cook dichiara guerra ai leak

Tim Cook dichiara guerra ai leak

Tim Cook, CEO della Casa di Cupertino, avrebbe recentemente sottolineato il suo disappunto riguardo ai leak circolati in Rete prima del lancio dell'iPhone 13, ultima generazione del melafonino. Le anticipazioni da fonti interne anonime riguardo agli iDevice non sono di certo una novità, ma quelle diffuse questa volta avrebbero reso quasi inutile la presentazione.

Le indiscrezioni relative ai prodotti innovativi di Apple vengono vendute a caro prezzo ai dipendenti

Il brand della Mela Morsicata è oggi il più noto al mondo, i suoi prodotti sono i più attesi, non stupisce quindi che nel tempo si sia creato un vero e proprio "mercato dei leak" con dipendenti pronti a vendere a caro prezzo le proprie rivelazioni e testate o influencer di settore desiderosi di poter condividere per primi dei rumors esclusivi.

Una comunicazione inviata nelle scorse ore da Cook ai propri collaboratori parlerebbe proprio di questo argomento, nella mail il CEO avrebbe fatto riferimento ad un gruppo composto da pochi soggetti che le indagini interne della compagnia riusciranno sicuramente ad identificare. Fatto questo si procederà immediatamente con il licenziamento.

Nel corso dei prossimi mesi e anni Apple dovrebbe presentare alcuni prodotti inediti, eventuali leak potrebbero danneggiare la capacità innovativa dell'azienda, violare il segreto industriale, rendere vani gli sforzi di migliaia di dipendenti e favorire la concorrenza. Per questo motivo si dovrà fare di tutto per evitare le fughe di notizie.

Continua dopo la pubblicità...

L'animosità di Tim Cook a proposito di questo argomento è comprensibile, i leak hanno un impatto rilevante anche sulle decisioni degli investitori e il CEO di Cupertino è intenzionato ad affrontare l'ultima fase del suo incarico lanciando dei prodotti estremamente innovativi (almeno nelle intenzioni) che permettano al gruppo di prosperare anche in futuro.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.