TIPS: pagamenti istantanei secondo la Banca d'Italia

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteE-commerce: aumenta la fiducia dei consumatori
  • SuccessivoApple e Qualcomm non trovano l'accordo

TIPS (Target Instant Payment Settlement) è il nome di una piattaforma per i pagamenti istantanei implementata dai tecnici della Banca d'Italia. Il nuovo sistema è stato presentato nelle scorse ore in presenza del Governatore Ignazio Visco durante un evento organizzato presso il Centro Donato Menichella di Frascati.

Sviluppato nel quadro di un progetto che avrebbe richiesto circa un anno per il suo completamento, TIPS sfrutta l'approccio cash without cash per il perfezionamento delle transazioni. Utilizzabile in qualsiasi Paese europeo, la piattaforma sostituisce i contanti garantendo spostamenti di denaro in moneta della banca centrale di riferimento.

Continua dopo la pubblicità...

Il sistema è perfettamente funzionante ma non ancora completo per quanto riguarda la compatibilità con le varie divise, per il momento infatti esso supporta unicamente l'Euro. In questo modo è possibile coprire già da ora un mercato composto da centinaia di milioni di utenti, ma presto verranno introdotte ulteriori valute.

Per quanto riguarda le prestazioni, TIPS può garantire l'elaborazione di più di 2 mila operazioni al secondo. Viene inoltre garantita la continuità del servizio che rimarrà attivo 24 ore al giorno, tutti i giorni della settimana e per tutto l'anno. L'idea è qualla di creare il più grande player europeo per quanto riguarda il settore dei pagamenti istantanei.

A questo punto la palla passa in mano alle banche che potranno offrire TIPS ai propri clienti, sono supportati i pagamenti C2C (tra privati), C2B (da privati ad aziende) e B2B (tra aziende). Il costo di commissione per ciascuna transazione, che durerà non oltre i 10 secondi, sono molto contenuti: appena 2 centesimi di euro.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.