Troppe vulnerabilità per HTML5

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteMountain View compra oltre mille brevetti alla IBM
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

Secondo un recente report diffuso in Rete dalla ENISA (European Network and Information Security Agency), cioè l'agenzia europea che si occupa della sicurezza informatica per contro dell'Unione, HTML5 presenterebbe ancora numerosi bug che andrebbero risolti.

L'intenzione sarebbe quella di indicare i possibili rimedi prima che le specifiche del nuovo markup per pagine Web diventino ufficiali (nel 2014), perché, nonostante i tre anni di tempo ancora disponibili, molte di esse sarebbero, di fatto, pronte a divenire definitive.

Nel complesso gli analisti della ENISA avrebbero individuato una cinquantina di vulnerabilità di una certa importanza e correggerle significherebbe arrivare all'appuntamento con il 2014 avendo già raggiunto un buon grado di sicurezza per utenti e browser.

Tra le vulnerabilità identificate vi sarebbero problematiche relative alla mancata protezione delle informazioni riservate e nuove possibilità di azione per spammers e phishers, bug da risolvere quanto prima se si vuole che il Web di domani sia più sicuro di quello odierno.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.