Trump: una causa contro Google e Twitter?

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteApple: acquisisce di Drive.ai per la guida autonoma
  • SuccessivoInstagram: advertising in Esplora
Trump: una causa contro Google e Twitter?

Le elezioni presidenziali americane del 2020 si avvicinano, sono da poco iniziate le primarie del Partito Democratico e negli USA si torna a discutere del ruolo di Internet nell'influenzare gli appuntamenti con le urne. Questa volta a dare inizio alla diatriba sarebbe stato l'attuale inquilino della Casa Bianca che avrebbe accusato realtà come Google e Twitter di voler manipolare la prossima tornata elettorale.

Come accade spesso quando a parlare è Donald Trump, le sue affermazioni necessitano di un attento processo di verifica, soprattutto quando, come in questo caso, il Presidente accusa il social network cinguettante di bloccare tutti coloro che cercano di unirsi ai suoi già numerosi followers. A riprova di quanto detto Trump avrebbe a disposizione diverse segnalazioni.

Continua dopo la pubblicità...

Le perplessità di Trump su Twitter non sarebbero iniziate oggi, in passato egli si lamentò della piattaforma dopo aver notato un drastico calo della sua fanbase. Per rispondere a queste accuse dovettere scendere in campo lo stesso CEO Jack Dorsey che sottolineò come gli account rimossi fossero soltanto dei fake e dei bot, non delle persone in carne ed ossa.

Secondo indiscrezioni giornalistiche le ragioni delle lamentele di Trump contro Twitter andrebbero ricercate in aspetti che non riguardano l'attività dei network sociali durante le campagne elettorali, ma nel fatto che Barack Obama continui ad avere un maggior numero di followers nonostante abbia abbandonato Pennsylvania Avenue da alcuni anni.

Stesso discorso per quanto riguarda Google, che Trump criticherebbe per via di un maggior sostegno a favore dei democratici. Per questo motivo, durante un'intervista rilasciata a Fox Business Network, il Presidente avrebbe sostenuto che le grandi compagnie del Web andrebbero trascinate in tribunale per il loro agire poco trasparente nei confronti dell'elettorato.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.