Twitter combatte la censura

E' stato lo stesso Evan Williams, creatore e amministratore delegato di Twitter, a parlare di un progetto per lo sviluppo di tecnologie appositamente studiate per aggirare i blocchi imposti dalla censura dei regimi politici, Iran e Cina primi tra tutti.

Williams è infatti intervenuto nel corso del recente World Economic Forum svoltosi a Davos, dove ha descritto, senza scendere nei particolari, un piano per lo sviluppo di tecnologie in grado di aggirare i firewall utilizzati dai governi non democratici per bloccare contenuti non autorizzati sul Web.

Continua dopo la pubblicità...

Il CEO della nota piattaforma di microblogging è direttamente interessato a combattere i regimi di Teheran e Pechino, si pensi alla funzione che ha recentemente avuto Twitter nella diffusione delle notizie relative alle repressioni in Iran dopo una campagna elettorale caratterizzata dai brogli.

Williams ha sottolineato il fatto che Twitter è stato parzialmente bloccato in Cina, un paese che potenzialmente potrebbe essere un serbatoio illimitato di utenza per motori di ricerca e social network.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.