Twitter etichetta i bot

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAlibaba: Pechino impone lo scorporo di Alipay
  • SuccessivoAmazon: altre 125 mila assunzioni negli USA
Twitter etichetta i bot

Le Intelligenze Artificiali alla base del funzionamento dei bot sono sempre più evolute e questo può creare delle difficoltà agli utenti che spesso non riescono a distinguere la vera natura dei propri interlocutori, non tutti i bot vengono però creati per finalità negative e Twitter ha deciso di introdurre un sistema che consenta di individuare da subito quelli potenzialmente utili.

Grazie alle etichette si potranno distinguere i bot "buoni" e i bot "cattivi"

Tale soluzione dovrebbe essere basata sull'utilizzo di etichette che, posizionate in prossimità del nome in modo simile a quanto accade con la verifica dei profili, permetteranno di distinguere i bot in grado di fornire dei servizi (ad esempio quelli creati per la comunicazione aziendale) da quelli che generano attività malevole (come per esempio le campagne di phishing).

Per il momento il nuovo sistema è stato introdotto soltanto in via sperimentale e per un gruppo di utenti selezionati residenti negli Stati Uniti, se i test e i feedback ricevuti dovessero evidenziare dei risultati positivi il gruppo capitanato da Jack Dorsey potrebbe decidere di coinvolgere un maggior numero di iscritti e di localizzazioni.

Il Sito Cinguettante è una delle piattaforme in cui i bot vengono utilizzati più frequentemente per automatizzare le interazioni con gli utenti, questo fenomeno ha portato però anche a conseguenze inattese come per esempio la creazione di vere e proprie botnet in grado di promuovere marketing aggressivo o distribuire malware.

Continua dopo la pubblicità...

Si tratta soltanto dell'ennesima contromisura intrapresa da Twitter per rendere più sicura la navigazione degli utenti, recentemente infatti la piattaforma ha ingaggiato una vera e propria guerra contro i profili fake. Questi ultimi sono stati ad esempio alla base di milioni di tweet dedicati a diffondere disinformazione sulla pandemia di COVID-19.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.