Twitter: pochi nuovi iscritti fanno male ai guadagni

Twitter: pochi nuovi iscritti fanno male ai guadagni

Anche i responsabili finanziari del Sito Cinguettante hanno presentato di recente la loro ultima trimestrale di cassa; i risultati di esercizio del trimestre analizzato sottolineano una grande difficoltà della piattaforma nell'attrarre nuove iscrizioni, condizione che si traduce in una contrazione per quanto riguarda il fatturato derivente dall'advertising.

Fino ad ora Twitter aveva dovuto gestire la stagnazione delle iscrizioni senza che però questo fattore si ripercuetesse negativamente sulla crescita dei guadagni; oggi le cose starebbero andando diversamente, alla lunga infatti l'incapacità di ampliare l'utenza starebbe diventando causa di minori entrate per un progetto che ha nella pubblicità la sua forma di monetizzazione.

Ad oggi la piattaforma di Jack Dorsey e soci conterebbe circa 313 milioni di iscritti grazie ad un incremento pari a 3 milioni di nuovi utenti attivi rispetto al quarto precedente; parliamo quindi di una crescita superiore alle aspettative degli analisti pari a un milione di unità, comunque non sufficiente per determinare un'inversione di tendenza.

Tornando agli introiti, questi sarebbero stati pari a 602 milioni di dollari contro i 607 previsti, migliori i dati riguardanti l'andamento del titolo azionario con un controvalore di scambio medio pari a 13 centesimi contro i 10 previsti. Numeri tutto sommato positivi che però sarebbero anche la testimonianza di un business che cresce molto lentamente.

Continua dopo la pubblicità...

A differenza di altri progetti dalla forte componente sociale che hanno proprio nel continuo incremento dei propri membri il loro punto di forza, nel corso degli ultimi 12 mesi l'utenza di Twitter sarebbe invece cresciuta soltanto del 20% contro gli oltre 60 punti percentuali registrati nell'anno precedente e il 124% di 2 anni fa.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.