Twitter: "Uno stato vi spia"

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteI migliori provider italiani secondo Netflix
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Twitter: "Uno stato vi spia"

I gestori del colosso del microblogging Twitter avrebbero inviato delle email ad alcuni dei propri iscritti avvertendoli che i loro account potrebbere essere stati violati da uno "Stato" attraverso azioni di cyber spionaggio; almeno per il momento il nome di quest'ultimo non sarebbe noto, motivo per il quale i possibili accusati potrebbero essere numerosi.

Nello specifico, sarebbero stati effettuati dei tentativi per accedere illecitamente a dati più o meno riservati quali indirizzi IP, recapiti telefonici e account di posta elettronica; i tecnici del Sito Cinguettante avrebbero confermato l'ipotesi secondo la quale vi potrebbe essere una matrice di "governativa" dietro alle incursioni malevole rilevate.

Attualmente però neanche Twitter disporrebbe di prove certe che dimostrino la sottrazione di informazioni dai propri database, sarebbero quindi in atto delle indagini interne con lo scopo di identificare con precisione la prevenienza, le modalità e le eventuali conseguenze degli attacchi lanciati contro i sistemi che gestiscono il social network.

Se la veridicità dell'azione di cracking dovesse essere dimostrata, per Twitter si tratterebbe del primo episodio di questo tipo, mentre attività malevole dello stesso tipo sarebbero state già rilevate in passato ai danni di un altro network sociale come Facebook e di un servizio ampiamente utilizzato per la gestione della posta elettronica come GMail.

Continua dopo la pubblicità...

Tra gli stati più comunemente additati come responsabili di attività cyberspionistiche vi sono Cina, Federazione Russa e Stati Uniti, realtà estremamente diverse tra di loro ma tutte impegnate in un vero e proprio conflitto mondiale in formato digitale le cui prime vittime, come in tutte le guerre, sono i civili.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.