Twitter testa le "Notes"

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteGoogle Analytics è "illegale" in Italia. Decisione shock del garante della Privacy!
  • SuccessivoInstagram: nuovi controlli con la facial recognition
Twitter testa le "Notes"

I responsabili del Sito Cinguettante hanno dato vita ad una nuova sperimentazione per il lancio di una funzionalità chiamata Twitter Notes grazie alla quale gli utenti avranno la possibilità di condividere contenuti molto più lunghi rispetto ai comuni tweet che, dal 2017, non possono superare i 280 caratteri (dopo anni in cui il limite era stato di 140).

Questa novità è stata già confermata dal gruppo creato da Jack Dorsey ed è stata riassunta tramite una GIF nella quale si vede chiaramente come, per aggiungere un "nota", basti cliccare sul tasto "Write" collocato nella sidebar laterale. L'immagine mostra inoltre come la procedura di editing sia molto diversa rispetto a quella di un tweet.

Ogni nota potrà avere un titolo che sarà visualizzabile al di sopra del nome dell'autore, sarà poi possibile aggiungere un'immagine di copertina appositamente dedicata e delle immagini all'interno del testo. Agli autori viene data anche la possibilità di aggiungere un link ad un altro post e in ogni caso non sembrerebbero previsti dei limiti per i caratteri digitati.

Tra qualche settimana probabilmente tutti gli iscritti potranno usufruire di twitter notes

Se tutto dovesse andare come previsto dagli sviluppatori del progetto è probabile che Twitter Notes venga reso disponibile all'intera community tra qualche settimana, molto dipendera dal buon funzionamento dell'editor associato alla funzionalità (The Twitter Article Composer) e di conseguenza dai feedback degli utenti che stanno partecipando ai test.

Twitter continua quindi a proporre nuove feature mentre si attende di capire quale sarà il destino della sua proprietà, Elon Musk aveva infatti formulato un'offerta pari a 44 miliardi di dollari per la sua acquisizione salvo poi tirarsi parzialmente indietro dopo la richiesta di verificare quanti account fasulli sono attualmente presenti nella piattaforma.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti