Ubuntu dice addio alle architetture a 32 bit

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteVenerdì 21 novembre 2014 a Udine è NoSQL Day
  • SuccessivoFirefox: basta Google, ora il motore di ricerca è Yahoo!
Ubuntu dice addio alle architetture a 32 bit

Si sono recentementemente conlusi i lavori dell'UDS 14.11 (Ubuntu Developer Summit), cioè dell'incontro periodico che vede protagonisti gli sviluppatori della distribuzione Linux Ubuntu, una manifesazione durante la quale il gruppo capitanato da Mark Shuttleworth ha preso importanti decisioni per quanto riguarda il futuro del progetto.

Tra le novità più interessanti in questo senso vi sarebbe la decisione di abbandonare definitivamente il supporto per le architetture a 32 bit in favore di quelle a 64 bit, soprattutto in considerazione del ruolo sempre maggiore che queste ultime starebbero assumendo anche in contesti tecnicamente complessi come l'ecosistema mobile.

Continua dopo la pubblicità...

I componenti della Canonical avrebbero quindi deciso di iniziare il lavoro di dismissione a carico delle release a 32 bit a partire da Ubuntu 16.10, che sarà una release dal breve ciclo di vita; quindi l'ultima release a non presentare il solo supporto per le architetture a 64 bit dovrebbe essere Ubuntu 16.04 LTS (Long Term Support).

Diverso il discorso per quanto riguarda il packages, le versioni per il 32 bit di questi ultimi dovrebbero continuare ad essere supportati almeno per i prossimi 6 anni; nel 2021 gli utilizzatori che non dispongano di un terminale a 64 bit dovranno però scegliere se non adottare più Ubuntu o se acquistare una nuova macchina.

E' da sottolineare che la Canonical non dovrebbe essere stata l'unica software house a decidere di rinunciare alle architetture a 32 bit, anche gli sviluppatori di Arch Linux avrebbero infatti intrapreso la stessa strada con lo scopo di concentrarsi naturalmente sull'implementazione di soluzioni per 64 bit e architetture ARM.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.