UE: indagine su Apple Pay e App Store

UE: indagine su Apple Pay e App Store

La Commissione Europea avrebbe deciso di dar vita ad un'indagine a carico della piattaforma per i pagamenti in mobilità Apple Pay e del marketplace App Store. Oggetto delle verifiche di Bruxelles sarebbero soprattutto le policy definite dalla Casa di Cupertino e gli aspetti di queste ultime che potrebbero danneggiare la libera concorrenza.

Non si tratterebbe di un'iniziativa autonoma da parte dei commissari, ma del risultato di una contestazione presentata da un'azienda specializzata nel settore degli audiolibri e degli e-book il cui nome non sarebbe stato rivelato. Tempo fa accadde lo stesso quando Spotify decise di scontrarsi con la Mela Morsicata per le sue politiche nel comparto audio.

Per quanto riguarda il caso di Apple Pay, la Commissione sarebbe attualmente al lavoro per capire se il fatto che quest'ultima sia fortemente integrata con il modulo NFC (Near Field Communication) in dotazione negli iDevice possa determinare in qualche modo l'esclusione degli altri soggetti che desiderano operare nel medesimo settore.

Relativamente all'App Store l'indagine riguarderebbe in particolar modo gli sviluppatori e il fatto che questi ultimi debbano utilizzare gli strumenti per gli acquisti in-App offerti dalla stessa Apple. All'azienda statunitense potrebbe spettare l'onere di dimostrare che l'utilizzo di piattaforme alternative per i pagamenti non venga scoraggiato.

Continua dopo la pubblicità...

Da parte loro i portavoce del gruppo capitanato da Tim Cook avrebbero commentato gli ultimi sviluppi in modo molto severo, sottolineado come l'indagine possa rivelarsi il frutto di istanze da parte di società che vorrebbero sfruttare le infrastrutture sviluppate da Apple non volendo rispettare le regole condivise da tutti gli altri soggetti che operano nelle sue piattaforme.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.