UE: troppo potere USA sul Web

UE: troppo potere USA sul Web

Fino all'esplosione della scandalo Datagate quasi nessuno aveva messo in discussione pubblicamente lo strapotere che, di fatto, le autorità statuinitensi hanno esercitato fino ad ora sulla Rete; attualmente tale posizione dominante sarebbe stata messa in discussione dall'Unione Europea.

La parola d'ordine in questo caso sarebbe "governance condivisa", Bruxelles non avrebbe più intenzione di essere tagliata fuori dai processi decisionali che regolano il Web; l'NSA (National Security Agency) avrebbe spiato indebitamente utenti di ogni nazione proprio sulla base della convinzione che Internet sia innanzitutto materia di competenza degli USA.

Continua dopo la pubblicità...

In sostanza il progetto della UE sarebbe quello di privare di alcuni poteri organizzazioni come l'ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) in favore di altre agenzie meno dipendenti da Washington come per esempio l'IGF (Internet Governance Forum).

Inoltre, nei piani della Commissione Europea vi sarebbe l'istituzione entro i prossimi due anni di un istituto, il GIPO (Global Internet Policy Observatory), che dovrebbe garantire una maggiore trasparenza delle decisioni in materia di Rete e il rispetto del suo carattere universale.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.