USA: la pirateria non danneggia il cinema

Secondo un recente studio effettuato dai ricercatori della University of Minnesota, negli Stati Uniti l'effetto della pirateria a carico dell'industria cinematografica sarebbe praticamente irrilevante; il P2P non svuoterebbe quindi le sale né influirebbe sul numero di biglietti venduti.

I risultati di tale ricerca non dimostrerebbero però che la pirateria sia innocua per le casse delle majors, infatti, a fronte di una situazione stabile negli Stati Uniti, il file sharing contribuirebbe invece a sfoltire le file presso i botteghini dei paesi esteri.

Continua dopo la pubblicità...

Nel complesso, i canali BitTorrent causerebbero una diminuzione del 7% nella vendita dei biglietti al di fuori dei confini USA, questo fenomeno sarebbe però dovuto al fatto che i film trasmessi nelle sale americane arrivano in quelle degli altri paesi soltanto dopo alcuni mesi.

Stando così le cose, si potrebbe ipotizzare che nuove modalità distributive legali potrebbero limitare il fenomeno della pirateria anche al di fuori degli Stati Uniti, in questo caso proprio il Web, spesso visto come un "nemico" dalle case cinematografiche, potrebbe rivelarsi un prezioso alleato.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.