USA: WiFi a scrocco per un Americano su tre

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteChrome esce dalla fase Beta (e lancia il suo Store)
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup

Secondo un recente rapporto commissionato dalla WFA (Wi-Fi Alliance) e condotto da Wakefield Research, circa il 32% degli utenti statunitensi si dedicherebbe quando può allo scrocco di connessione WiFi appena trova un canale libero; la mania dello "scrocco" sembra tutt'altro che tramontata.

Il dato si rivela preoccupante in quanto è in crescita, infatti, la percentuale degli "scrocconi" sarebbe salita del 18% rispetto a quella rilevata nel 2008 durante una ricerca analoga; le implicazioni a livello di sicurezza sono chiare, ma buona parte della responsabilità dovrebbe essere addebitata agli stessi utenti.

Che il WiFi, per quanto diffusissimo, venga visto con diffidenza dagli utenti statunitensi, lo rivela in particolare un dato: il 42% di essi si fiderebbe di più a prestare ad estranei le chiavi della propria abitazione piuttosto che le chiavi di accesso alla propria connessione.

Curiosamente, dalla ricerca emerge una diffusa consapevolezza dei rischi correlati ad una scarsa protezione delle connessioni domestiche o lavorative, per contro, questa consapevolezza non sembra tradursi in adeguati provvedimenti per limitare il raggio d'azione degli scrocconi.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.