Vivaldi Browser Vs. Microsoft Edge

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook: nuovi strumenti per la privacy
  • SuccessivoAnche Facebook ha le sue Stories, come Snapchat
Vivaldi Browser Vs. Microsoft Edge

Jon von Tetzchner, ex responsabile di Opera Software e attuale CEO del progetto che fa capo a Vivaldi Browser, avrebbe recentemente accusato la Casa di Redmond di adottare pratiche anticoncorrenziali per favorire la diffusione di Microsoft Edge a danno delle applicazioni proposte dagli altri browser vendor oggi sul mercato.

Tale presa di posizione sarebbe dovuta al fatto che quando si effettua l'aggiornamento di Windows 7 o Windows 8 a Windows 10, quest'ultimo prende l'iniziativa di impostare Edge come browser predefinito, ignorando di fatto l'applicazione che era stata originariamente scelta dall'utilizzatore per la navigazione su Internet.

Continua dopo la pubblicità...

Per la precisione, Windows 10 consente in ogni caso, e in qualsiasi momento, di modificare il browser Web di default configurato per l'installazione corrente, ma secondo l'opinione di Tetzchner tale procedura risulterebbe essere troppo complessa o lunga per alcuni utilizzatori e la loro libertà di scelta verrebbe quindi limitata.

A parere del CEO di Vivaldi l'azienda capitanata da Satya Nadella dovrebbe impegnarsi a migliorare quanto più possibile Edge invece di studiare strategie per tarpare le ali alle soluzioni alternative, l'attuale atteggiamento di Microsoft rappresenterebbe un ostacolo al progresso delle applicazioni per la navigazione Web, compresa quella di Redmond.

A commento delle ragioni di Tetzchner andrebbe però detto che per il momento Edge non sembrerebbe essere stato particolarmente favorito dal comportamento di Windows 10, attualmente infatti la sua quota di mercato si attesterebbe ad un risicato 5%, percentuale poco entisiasmante se si pensa che questo software è disponibile da circa un anno e mezzo.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.