VPN bloccate in tutta la Cina

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteMicrosoft usa le frequenze Tv contro il Digital Divide
  • SuccessivoFacebook: advertising anche su Messenger

Le VPN (Virtual Private Network) sono delle reti private attraverso le quali gli utenti possono navigare con maggiore sicurezza e un più elevato livello di privacy, per questo motivo vengono adottate frequentamente nei Paesi controllati da regimi autoritari con lo scopo di accedere a risorse e contenuti proibiti ai cittadini.

Come è noto il governo cinese è particolarmente attivo nel controllo della navigazione e spesso emana leggi appositamente concepite per ostacolare la circolazione del dissenso, per questo motivo le prossime vittime della censura di Pechino dovrebbero essere proprio le VPN che, molto probabilmente, verranno bloccate in tutto il territorio del paese asiatico.

Continua dopo la pubblicità...

Le istituzioni cinesi sarebbero già all'opera e i provider locali avrebbero già ricevuto la richiesta di impedire l'uso delle VPN ai propri abbonati entro il febbraio del prossimo anno; in questo modo dovrebbe essere eliminato un problema che il regime sta cercando di risolvere già da alcuni mesi senza i risultati attesi.

La battaglia della censura contro le VPN è infatti cominciata già ad inizio 2017, quando il Ministero dell'Industria e della Tecnologia dell'Informazione aveva imposto che queste reti sarebbero dovute essere autorizzate prima della loro attivazione per poter funzionare; ora però la nuova iniziativa riguarda direttamente gli ISP e il blocco potrebbe essere definitivo.

La disabilitazione completa delle VPN non avrebbe un impatto negativo soltanto sulle abitudini di navigazione dei cittadini, ma potrebbe anche interferire sull'attività delle compagnie private che le utilizzano per una maggiore sicurezza dei dati. Ad oggi però non è noto se le nuove disposizioni riguarderanno anche queste ultime.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.