Wind e 3 Italia: la fusione è ufficiale

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteBig G respinge le accuse UE su Google Shopping
  • SuccessivoYouTube riorganizza i commenti per combattere i troll
Wind e 3 Italia: la fusione è ufficiale

Wind e 3 Italia, due dei più importanti operatori di telefonia tra quelli che operano attualmente nella Penisola, diventeranno un'unica entità; la fusione sarebbe stata ufficializzata dai vertici delle aziende coinvolte che a partire da oggi finiranno sotto il controllo di una joint venture fra CK Hutchison e VimpelCom.

L'unione tra Wind e 3 Italia si sarebbe resa necessaria per garantire una maggiore competitività, presto infatti il Belpaese dovrebbe assistere all'ingresso di nuovi operatori di mercato tra cui anche la francese Iliad. Offerte più convenienti e complete per le comunicazioni e il traffico dati via cellulare potranno essere garantite soltanto da realtà fortemente strutturate.

Continua dopo la pubblicità...

Il prossimo passaggio consisterà quindi nell'integrazione tra le due reti di Wind e 3 Italia oggi acora separate, tale attività dovrebbe essere portata a termine entro il prossimo anno. Il risultato di questo sforzo sarà un operatore unico con un portafoglio clienti pari a ben 31 milioni di unità per quanto riguarda la telefonia mobile e 2.7 milioni per il fisso.

CEO di questo nuovo soggetto sarà Maximo Ibarra, ad oggi massimo dirigente della Wind; Vincenzo Novari, attualmente amministratore delegato di 3 Italia, assumerà invece la carica di Special Adviser presso CK Hutchison. Già attive alcune partnership per la fornitura di servizi integrati come per esempio quella con Enel Open Fiber.

La fusione ormai certa tra Wind e 3 Italia avrà anche un altro risultato: consentirà di fatto l'ingresso della transalpina Iliad nella Penisola che, rappresentando un vero e proprio colosso della telefonia, avrebbe potuto costituire un'ostacolo alla libera concorrenza in mancanza di soggetti altrettanto strutturati.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.