YouTube combatte il terrorismo con l'Intelligenza Artificiale

YouTube combatte il terrorismo con l'Intelligenza Artificiale

La piattaforma per il video streaming YouTube, proprietà di Mountain View, vive di contenuti autoprodotti, capita però molto spesso che tra di essi compaiano anche dei filmati inneggianti al terrorismo internazionale. In passato i gestori del servizio hanno faticato ad eliminare questi ultimi, oggi possono invece contare sul supporto delle tecnologie per il machine learning.

Il sistema creato dagli sviluppatori di YouTube si basa sulla redirezione della navigazione, quando un utilizzatore cerca di accedere ad un video che promuove l'estremismo islamico l'Intelligenza Artificiale che governa la piattaforma effettua un redirect mostrando in alternativa dei contenuti informativi per il contrasto al terrorismo.

Non si tratterebbe di un sistema efficace al 100%, ma stando a quanto riportato dai responsabili del progetto in un loro recente intervento i risultati ottenuti fino ad oggi sarebbero comunque incoraggianti. Secondo i dati forniti, l'algoritmo attualmente utilizzato riuscirebbe ad identificare un contenuto pericoloso più velocemente di un "controllore" umano nel 75% dei casi.

YouTube avrebbe inoltre intenzione di estendere il raggio d'azione della sua Intelligenza Artificiale, quest'ultima infatti dovrebbe essere adottata anche per combattere fenomeni diversi dal terrorismo ma comunque dannosi, come per esempio il proliferare di contenuti basati sull'hate speech che promuovono verbalmente odio e violenza.

Continua dopo la pubblicità...

Tale iniziativa si tradurrà probabilmente in un inasprimento delle policy del servizio, arrivando ad includere nuove modalità di violazione riguardanti sia filmati che i commenti pubblicati dagli utenti. Capita spesso infatti che un video perfettamente in linea con le regole del servizio venga commentato con modalità ad esse contrarie.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.