Zalando: attivo il centro logistico di Nogarole Rocca

Zalando: attivo il centro logistico di Nogarole Rocca

Zalando, uno dei più grandi retailer online nel settore dell'abbigliamento e degli accessori, ha reso operativo il centro logistico edificato in Italia presso la cittadina di Nogarole Rocca, provincia di Ravenna. Già effettuata la prima spedizione, ma per il prossimo futuro sono previste mille nuove assunzioni destinate a potenziare l'organico.

Il gruppo tedesco ha scelto un modello di business non dissimile da quello praticato da un altro protagonista dell'e-commerce come Amazon, per questo motivo ha deciso di investire ingenti risorse nella velocità di consengna delle merci ordinate, nella gestione dei resi, nella customer care e nella creazione di centri di distribuzione per il miglioramento della logistica.

Continua dopo la pubblicità...

A tal proposito l'azienda ha sottolineato che l'asset romagnolo non sarà un riferimento per le sole spedizioni destinate alla Pensiola, la prima delle quali effettuata verso un cliente residente presso la città di Cassino (Frosinone), ma anche per quelle dirette ad altri Paesi dell'Europa Meridianale tra cui Francia, Spagna, Austria e Svizzera.

Le incombenze relative alla logistica verranno gestite in collaborazione con il partner Fiege, anche in questo caso una società con sede in Germania, il centro di Nogarole Rocca si estende su una superficie di 130 mila metri quadri e il suo funzionamento verrà ottimizzato affiancando le figure operanti nei magazzini con sistemi di automazione avanzati.

Per la realizzazione dell'impianto (che comprende anche un campo da Basket e spazi appositamente dedicati alla socializzazione) sono stati necessari 18 mesi, la data di inizio lavori risale infatti al giugno del 2018. Attualmente Zalando controlla un network composto da 15 centri di distribuzione sparsi in 5 diversi Paesi, 3 dei quali devono essere ancora completati.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.