Apple: nuovi investimenti sulle criptovalute?

Apple: nuovi investimenti sulle criptovalute?

La Casa di Cupertino avrebbe recentemente pubblicato un annuncio di lavoro per la ricerca di un Business Development Manager esperto in Alternative Payments, questa iniziativa potrebbe rappresentare un indizio riguardo alla possibilità che il gruppo capitanato da Tim Cook sia intenzionato ad operare nel settore delle criptovalute.

Tale annuncio sarebbe stato diffuso dalla unit Apple Wallets, payments, and commerce della compagnia californiana, una divisione che si occupa appunto dei pagamenti elettronici e di una piattaforma ampiamente utilizzata dai possessori di iPhone come Apple Pay. Il candidato ideale dovrà avere alle spalle almeno 5 anni di esperienza nel comparto degli Alternative Payments.

Nello specifico Cupertino sarebbe alla ricerca di una figura in grado di creare un network di collaboratori, sviluppare modelli commerciali, gestire eventuali partnership con altri operatori del settore e definire dei paradigmi esecutivi da adottare nelle strategie commerciali. Più che di un tecnico si dovrebbe trattare quindi di un dirigente.

Ad oggi Apple Pay offre già le funzionalità necessarie per effettuare pagamenti tramite criptovalute, un'ipotesi abbastanza credibile alla luce degli sviluppi più recenti potrebbe essere quella secondo cui in futuro tali feature potrebbero essere estese anche all'Apple Wallet utilizzabile su tutti gli iDevice compresi gli smartwatch Apple Watch.

Continua dopo la pubblicità...

Cupertino ha sempre manifestato delle aperture prudenti nei confronti di monete digitali come bitcoin, lo stesso Tim Cook si sarebbe dichiarato più volte favorevole ad investimenti in tale segmento ma avrebbe anche palesato le proprie perplessità nei confronti di quelle società (come per esempio Facebook) che vorrebbero creare un sorta di criptovaluta aziendale.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.