AppleCare+: riparazioni illimitate per i danni accidentali

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteCyber Resilience Act: nuove regole per la sicurezza dei device
  • SuccessivoElisabetta II inviò un'email nel 1976
AppleCare+: riparazioni illimitate per i danni accidentali

AppleCare+, cioè il programma della Casa di Cupertino che permette di estendere la garanzia dei dispositivi, è stato aggiornato in un'ottica di maggiore tutela dei consumatori. Per questo motivo è stato finalmente rimosso il limite che fino ad ora prevedeva un massimo di 2 riparazioni per danni accidentali su tutti i prodotti dell'azienda.

Si tratta di un aggiornamento che riguarda anche il nostro Paese, per gli utilizzatori degli iPhone è previsto un canale di assistenza disponibile tutti giorni 24 ore su 24 e la possibilità di ricevere uno smartphone sostitutivo quando il proprio device è in assistenza per riparazioni. In ogni caso valgono i primi 2 anni di garanzia gratuiti stabiliti per legge.

Il gruppo capitanato da Tim Cook ha comunicato anche le tariffe di AppleCare+ per i nuovi iPhone presentati nelle scorse ore durante l'evento Far Out, si pagheranno infatti 8.99 euro al mese per un anno o 179 euro per due anni per l'iPhone 14, 10.99 euro al mese o 219 euro per l'iPhone 14 Plus e 12.49 euro o 249 euro per l'iPhone 14 Pro e l'iPhone 14 Pro Max.

Le tariffe cambiano naturalmente a seconda del tipo di dispositivo per il quale si vuole attivare AppleCare+, ad esempio per un MacBook Air con chipset M1 la spesa prevista è pari a 69.99 euro per un anno, in alternativa si può optare per un piano della durata di 3 anni a 199 euro. Nel caso del MacBook Pro da 14 pollici sono richiesti invece 109.99 euro per un anno o 299 dollari per 3 anni.

E' possbile acquistare la formula AppleCare+ insieme al dispositivo per il quale si desidera godere della garanzia aggiuntiva o attivarla entro 60 giorni da quando è stato comprato il prodotto. In quest'ultimo caso si può aderire al servizio tramite una semplice procedura online che prevede di indicare alcuni dati del device come per esempio il numero di serie dell'iMac posseduto.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti