Bitcoin: Mt. Gox dichiara bancarotta

Bitcoin: Mt. Gox dichiara bancarotta

Nuovo colpo di scena nella vicenda che ha visto Mt. Gox, la più grande piattaforma di scambio per la criptovaluta Bitcoin, chiudere improvvisamente i battenti e determinare un crollo repentino delle quotazioni; i responsabili del servizio avrebbero infatti dichiarato bancarotta.

Nel complesso ad oggi sarebbe stato verificato un ammanco pari a circa 350 milioni di dollari, ancora non è chiaro però se questi soldi siano stati trafugati tramite un attacco informatico o semplicemente "fatti sparire" dall'ex responsabile di Mt. Gox, Mark Karpeles, oggi latitante.

Continua dopo la pubblicità...

Nello specifico il servizio avrebbe un'esposizione verso gli investitori pari a circa 100 milioni di dollari; ora i pochi dirigenti di Mt. Gox rimasti al loro posto starebbero cercando di affrontare una proceudura fallimentare che preveda la protezione dai creditori.

Nonostante la sua irreperibilità, Karpeles si sarebbe comunque "fatto vivo" di recente pubblicando un messaggio sul sito Web della piattaforma; nella comunicazione egli affermerebbe di non essere scappato e di trovarsi in Giappone per cercare di trovare una soluzione alla vicenda.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.