BitM: quando anche la 2FA non è sicura

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
BitM: quando anche la 2FA non è sicura

Franco Tommasi, Christian Catalano e Ivan Taurino sono tre ricercatori dell'Università del Salento e orgoglio della ricerca italiana che nell'aprile del 2021 hanno prodotto una pubblicazione dedicata alla BitM (Browser-in-the-Middle), una tecnica di attacco che permetterebbe di aggirare i sistemi di sicurezza basati sull'autenticazione a 2 fattori.

In pratica BitM prevede che un utente clicchi su un link e venga così portato a visitare un sito Web, a quest'ultimo gli utenti malintenzionati possono sovrapporre una finestra per il login tramite la quale raccogliere le credenziali di accesso. Qui troviamo una prima differenza rispetto a quanto avviene nel phishing perché il sito di destinazione è di fatto autentico.

Questo particolare fa in modo che la conferma d'identità inviata dall'utente tramite l'autenticazione a 2 fattori sia valida anche per chi ha condotto l'attacco. Quest'ultimo, che già possiede il primo fattore di accesso grazie alla finestra di autenticazione descritta in precedenza, potrà quindi impersonare la vittima ed entrare in un'area personale con tutte le conseguenze del caso.

A circa un anno dalla scoperta, il BitM ha ricominciato a far parlare di sé per due motivi, il primo riguarda quanto pubblicato su Twitter da un account dedicato alla sicurezza informatica (mr.d0x) che in un suo post descrive una tecnica molto simile a quella riportata dai ricercatori italiani con conseguenti polemiche riguardanti la paternità della scoperta.

Il secondo motivo è relativo al fatto che per il momento non esisterebbe alcuna contromisura utile a bloccare gli attacchi basati sulla BitM, alcuni dei maggiori browser vendor mondiali come per esempio Google, Microsoft e Apple sarebbero stati già avvertiti dell'esistenza di questo problema ma i loro sviluppatori non avrebbero trovato ancora una soluzione.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti