Google: il nostro Cloud è più sicuro di quello di Microsoft

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
Google: il nostro Cloud è più sicuro di quello di Microsoft

Il Cloud di Google è più sicuro di quello di Microsoft? Per rispondere a questo sondaggio Mountain View avrebbe deciso di commissionare una rilevazione ai ricercatori della Public Opinion Strategies, uno studio durante il quale sarebbero stati intervistati 2.600 impiegati residenti negli Stati Uniti di cui buona parte in forza a qualche amministrazione pubblica.

Nel caso specifico di questi ultimi più della metà avrebbe sostenuto che i software e i servizi utilizzati non offrirebbero sufficienti garanzie dal punto di vista della sicurezza, nello stesso modo la maggior parte del campione avrebbe espresso il timore che nel corso dei prossimi anni l'infrastruttura tecnica federale possa subire un attacco informatico rilevante.

L'utilizzo di software diversi garantirebbe una maggior protezione da attacchi informatici

A parere dei responsabili di Google Cloud tali risposte sottolineerebbero i pericoli derivanti dall'utilizzo di una sola soluzione, nel caso specifico Office 365 su infrastruttura Microsoft Azure, per tutte le agenzie governative e le pubbliche amministrazioni. Si dovrebbero utilizzare invece più software realizzati da produttori differenti rendendo la vita più difficile agli utenti malintenzionati.

Sempre a parere del gruppo capitanato da Sundar Pichai, il fatto di far ricorso sempre alle medesime applicazioni non sarebbe la conseguenza di valutazioni tecniche ma della scarsa volontà di sperimentare alternative che, se messe alla prova, potrebbero rivelarsi non soltanto più sicure ma anche più performanti dal punto di vista della produttività.

Da parte sua il gruppo fondato da Bill Gates avrebbe risposto sostenendo che l'approccio di Google non sarebbe di alcun aiuto e che tenderebbe a creare divisioni all'interno della community di coloro che si occupano di sicurezza. Sempre per Microsoft, un approccio di questo genere si rivelerebbe ancora più grave in un momento in cui il conflitto ucraino pone nuove incognite dal punto di vista della Cybersecurity.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti