WhatsApp: inoltri limitati su Android e iOS

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteObsolescenza programmata: nuove misure della Commissione Europea
  • SuccessivoGoogle: il nostro Cloud è più sicuro di quello di Microsoft
WhatsApp: inoltri limitati su Android e iOS

Gli sviluppatori dell'applicazione per la messaggistica istantanea WhatsApp hanno implementato un nuovo aggiornamento che nel prossimo futuro dovrebbe limitare il numero di contenuti inoltrati dagli utenti, in questo modo la piattaforma di proprietà di Meta vorrebbe contrastare la diffusione di fake news e il dilagare dello spam molto presente anche in questo network.

Questa novità sarebbe in procinto di arrivare dopo un periodo molto lungo di sperimentazione che ha visto coinvolta parte dell'utenza brasiliana dimostrando l'efficacia dell'aggiornamento, il roll-out starebbe già avvenendo per quanto riguarda i dispositivi Android mentre quelli basati su iOS dovrebbero essere coinvolti soltanto successivamente.

I messaggi potranno essere inoltrati senza limiti una sola volta

In sostanza si potranno inoltrare i messaggi ad un solo gruppo alla volta, questo chiaramente non impedirà la condivisione di disinformazione e contenuti indesiderati ma dovrebbe contenerne notevolmente la circolazione. E' comunque bene precisare che la nuova impostazione avrà valore soltanto per i messaggi che sono stati già inoltrati precedentemente.

L'obbiettivo è eliminare le catene di Sant'Antonio che si diffondono su WhatsApp

Il primo fenomeno che dovrebbe essere colpito da questo cambiamento dovrebbe essere quello della cosiddette "catene di Sant'Antonio", caratterizzate da messaggi che molto spesso vengono appositamente confezionati per ottenere il maggior numero possibile di inoltri come per esempio richieste di soccorso o notizie riguardanti false situazioni di crisi.

Gli effetti di queste ultime sono ben noti anche in Italia, basti pensare alla catene di Sant'Antonio che sia all'inizio dell'emergenza pandemica che, più recentemente, a pochi giorni dall'inizio del conflitto ucraino hanno diffuso notizie riguardanti la possibilità che nei negozi e supermercati della Penisola si sarebbero rapidamente esauriti diversi beni di prima necessità.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti