LinkedIn aggiorna l'offerta pubblicitaria

LinkedIn aggiorna l'offerta pubblicitaria

Il social network professionale LinkedIn, proprietà della Casa di Redmond, ha deciso di ampliare la sua offerta pubblicitaria introducendo nuove funzionalità dedicate al targeting e alla ricerca nonché una ventina di nuovi template. Testate approfonditamente durante gli scorsi mesi, queste novità dovrebbero essere disponibili nel giro di poche settimane.

Da segnalare innanzitutto le nuove audience lookalike che consentono alle aziende di raggiungere gli utenti che hanno le medesime caratteristiche di un ipotetico cliente ideale per l'inserzionista. Tale corrispondenza verrà individuata rilevando tratti comuni con clienti preesistenti, visitatori di un sito Web e profili definiti come target.

Continua dopo la pubblicità...

E' stata poi introdotta una feature in grado di sfruttare i dati relativi alle ricerche effettuate tramite Bing che è poi il search engine di Microsoft. Tale strumento rappresenta un'ulteriore implementazione del targeting basato sugli interessi che la piattaforma aveva presentato lo scorso gennaio, con oltre 200 categorie fortemente profilate per l'utenza professionale.

I responsabili della piattaforma pubblicitaria di LinkedIn si sarebbero dichiarati molto soddisfatti dal funzionamento di questi nuovi tool, soprattutto in considerazione del fatto che i tester coinvolti nelle sperimentazioni iniziali avrebbero registrato livelli di performance superiori tra le 5 e le 10 volte rispetto alle procedure di targeting disponibili fino ad ora.

Relativamente ai template di audience recentemente introdotti, questi si caratterizzano per un'attivazione praticamente immediata e per coprire una vasta gamma di criteri che vanno dalle competenze dei destinatari e alle loro posizioni lavorative fine all'appartenenza a grupi di LinkedIn che fanno riferimento a determinate categorie.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.