Privacy: la UE vuole risposte da WhatsApp

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAGCOM: blocco su DNS e IP contro la pirateria
  • SuccessivoInfluencer: gli Italiani sono i più influenzabili d'Europa
Privacy: la UE vuole risposte da WhatsApp

I responsabili dell'applicazione per la messaggistica istantanea WhatsApp (proprietà di Meta) dovranno fornire ulteriori chiarimenti riguardo a come vengono trattati i dati degli utenti, a richiederli nelle scorse ore sarebbero state la Commissione Europea e il Consumer Protection Cooperation Network che fa anch'esso capo all'Unione Europea.

Nello specifico i regolatori vorrebbero comprendere meglio quale sia il modello di business della piattaforma, soprattutto in considerazione del fatto che la prima richiesta formulata in passato dagli stessi organi di controllo non avrebbe ricevuto un riscontro abbastanza esauriente. La risposta da parte dell'azienda è attesa entro luglio 2022.

E' comunque bene precisare che ad oggi non sarebbe in corso un'indagine ufficiale a riguardo né sarebbe prevista alcuna sanzione, le cose potrebbero naturamente cambiare nel caso in cui i vertici della compagnia statunitense non dovessero dimostrarsi sufficientemente collaborativi. La richiesta riguarda soprattutto gli aggiornamenti alle policy sulla privacy effettuati nel 2021.

I richiedenti vorrebbero capire in particolare come vengono utilizzati i dati personali ceduti dagli utilizzatori e se questi ultimi sono consapevoli del fatto che tali informazioni potrebbero essere messe a disposizione di terzi, come per esempio il network di Meta. Nello stesso modo si cerca di capire quali siano le garanzie in caso di rifiuto dei nuovi termini di utilizzo.

A ciò si aggiunga che diversi utenti avrebbero accettato esplicitamente le policy aggiornate convinti che diversamente non avrebbero potuto utilizzare il servizio. Ora WhatsApp ha circa un mese di tempo per fornire le risposte attese in sede europea e i suoi portavoce si sarebbero già dichiarati disponibili ad offrire la massima collaborazione.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti