Lo stato dell'arte del Cyber Crime

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteVerizon ha chiesto uno sconto da 350 milioni di dollari a Yahoo!
  • SuccessivoGli utenti di iPhone acquistano sempre più app
Lo stato dell'arte del Cyber Crime

Clusit, l'associazione italiana per la sicurezza informatica, ha recentemente distribuito un'anteprima dei dati relativi al suo undicesimo rapporto sulle attività del cyber crimine; secondo i dati forniti lo scorso anno sarebbe stato il peggiore di sempre dal punto di vista delle minacce e degli attacchi scagliati contro le infrastrutture informatiche.

Per dare un'idea della situazione tracciata dai ricercatori di Clusit, sarebbe sufficiente fare riferimento a due percentuali: +1.166 punti per quanto riguarda il phishing e +117 punti relativamente ad azioni mirate alla sottrazione di dati; sostanzialmente i soldi e le informazioni rimarrebbero come da tradizione i principali obbiettivi dei criminali che agiscono in ambito digitale.

Continua dopo la pubblicità...

I maggiori cambiamenti di questo particolare settore sarebbero stati individuati nel fatto che, ad oggi, l'attività dei cyber criminali si starebbe legando in modo preoccupante a quella di istituzioni governative disposte a servirsi delle loro prestazioni; ciò amplierebbe nettamente il raggio d'azione delle attività malevole moltiplicandone gli obbiettivi.

Sempre meno presente l'hacktivismo, con una netta tendenza dominante alla ricerca di profitto, si starebbe creando inoltre una netta differenza tra coloro che sviluppano i sistemi di attacco, divenuti sostanzialmente dei provider di servizi per il cyber crime, e chi invece li utilizza tramite un sistema che di fatto si basa sull'affitto di infrastrutture in remoto.

In diminuzione le attività di spionaggio, mentre sarebbero in preoccupante aumento gli attacchi contro il settore sanitario (+102%), la grande distribuzione (+70%) e il settore bancario e finanziario (+64%). Da sottolineare inoltre che oltre il 30% degli attacchi monitorati sarebbero stati condotti con tecniche ancora sconosciute agli analisti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.