The Intercept, la controinformazione digitale del dopo Datagate

The Intercept, la controinformazione digitale del dopo Datagate

"The Intercept" è il nome di un nuovo magazine digitale nato per mettere a disposizione dei lettori quelle informazioni che i canali ufficiali si dimostrano spesso restii a diffondere; la testata sarebbe nata grazie ad una sponsorizzazione di Pierre Omidar, fondatore di Ebay.

La prima inchiesta pubblicata da "The Intercept", che porta la firma dell'ex gionalista del Guardian Glenn Greenwald, riguarda non a caso lo scandalo Datagate e riporta alcuni documenti che sarebbero stati forniti dall'ex agente della CIA Edward Snowden.

Nello specifico l'articolo cercherebbe di dimostrare che gli agenti dell'NSA (National Security Agency) utilizzano le comuni tessere SIM, cioè quelle normalmente impiegate sui telefoni cellulari, per la localizzazione di persone da colpire attraverso i droni.

Questa metodologia di attacco sarebbe stata utilizzata più volte e in diverse missioni segrete che avrebbero avuto luogo in Pakistan, Afghanistan e Yemen; a condurle sarebbe stata un'unità speciale denominata Geocell e composta da uomini specializzati nell'anti-terrorismo.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.