Vodafone: prima rete 5G d'Italia a Milano

Vodafone: prima rete 5G d'Italia a Milano

Vodafone ha inaugurato la prima rete 5G della Penisola a Milano, l'infrastruttura ora attivata dovrebbe garantire una copertura di segnale tale da servire circa l'80% degli abitanti della città. Stando alle intenzioni dell'operatore il progetto dovrebbe interessare altre importanti località italiane già ad inizio 2019 per coinvolgere un totale di 5 capoluoghi entro la fine del prossimo anno.

La sperimentazione milanese, condotta con la collaborazione del Ministero dello Sviluppo Economico, ha richiesto un investimento pari a 90 milioni di euro. Intorno ad essa verranno implementati oltre 40 progetti facenti capo ai comparti più disparati: dalla pubblica sicurezza alla sanità, dall'intrattenimento alla mobilità dai trasporti al turismo.

Secondo i promotori dell'iniziativa, i vantaggi derivanti dalla nuova rete contribuiranno a rendere Milano una Smart City, incentiveranno i mercato della Robotica e dell'IoT (Internet of Things), consentiranno di migliorare le esperienze di acquisto tramite la Realtà Aumentata, renderanno più efficace la Telemedicina e incoraggeranno l'utilizzo di soluzioni per il risparmio energetico.

Con l'affermarsi del 5G ci si attende poi di vincere definitivamente la battaglia contro il Digital Divide, un fenomeno che nonostante i progressi tecnologici degli ultimi anni continua ad interessare diverse aree del nostro Paese impedendone non solo l'ormai necessaria trasformazione digitale, ma anche la crescita economica in senso lato.

Continua dopo la pubblicità...

A tal proposito è utile segnalare il lancio del bando "Action for 5G", esso prevede infatti uno stanziamento pari a 10 milioni di euro con cui verranno premiate startup e imprese sociali in grado di sviluppare soluzioni, prototipi e servizi con cui sfruttare il nuovo protocollo di connessione e le tecnologie di nuova generazione.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.