1999: quando Microsoft tentò di acquisire Nintendo

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAbusi di genere e tecnologie, le raccomandazioni dell'Europa
  • SuccessivoGoogle: primo report del Cybersecurity Action Team
1999: quando Microsoft tentò di acquisire Nintendo

Ad inizio anno circolò in Rete l'indiscrezione secondo cui nel tecnologicamente lontanissimo 1999 la Microsoft, allora capitanata dal fondatore Bill Gates, avrebbe tentato di acquisire il controllo della giapponese Nintendo. Tali voci non ebbero ulteriori conferme fino ad oggi, una lettera riporterebbe infatti nuovi dettagli riguardanti la vicenda.

All'epoca dei fatti vi sarebbe stato un primo incontro tra le due aziende organizzato dal futuro CEO Steve Ballmer poi sostituito da Satya Nadella, l'appuntamento ebbe però scarso successo tanto che (si racconta) i rappresentanti della Nintendo avrebbero passato il tempo a ridere in faccia a quelli della Casa di Redmond, convinti di voler rimanere indipendenti.

In un secondo incontro, a cui avrebbe partecipato anche il responsabile della divisione business development di Microsoft Bob McBreen, le due società avrebbero discusso la possibilità di collaborare nel settore del videogaming senza fondersi. L'ipotesi di un passaggio nella grande famiglia di Redmond sarebbe stato quindi definitivamente archiviato.

Ora, nella lettera che si può consultare visitando il bellissimo museo virtuale creato dal gruppo statunitense per i 20 anni della console videoludica Xbox, sarebbero presenti dei riferimenti all'ex presidente di Nintendo Hiroshi Yamauchi e all'autore di videogiochi Genyo Takeda noto per titoli celeberrimi come per esempio Punch-Out!! e di StarTropics.

Gran parte del contenuto del messaggio sarebbe stato cancellato per questioni di sicurezza aziendale, ma grazie alle righe ancora "in chiaro" si leggerebbe di un meeting finalizzato alla creazione di una partnership per la quale Microsoft si sarebbe dovuta dedicare all'hardware e Nintendo ai videogame. Quest'ultima optò per una strategia differente e i buoni risultati del presente le avrebbero dato ragione.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti