3 milioni di nomi a dominio .it

3 milioni di nomi a dominio .it

Domenico Laforenza, responsabile del Registro e direttore dello Iit-Cnr, ha reso noto che i nomi a dominio ".it" registrati ad oggi sono 3 milioni, sostanzialmente dieci volte di più rispetto al dato di 10 anni fa. Contestualmente il numero di collaboratori in forza presso l'Istituto di informatica e telematica del Cnr di Pisa, dove il Registro ha sede, sono passati da 106 a 208.

Il decennio passato è stato caratterizzato da diverse novità importanti per i domini ".it", a cominciare dal passaggio alla modalità sincrona per la registrazione. Chi opera in questo settore da prima del 2008 ricorderà infatti che per diversi anni la procedura richiedeva l'invio di un fax contenente i dati del richiedente nonché alcuni giorni di tempo prima de suo completamento.

Particolarmente importante anche la compatibilità con il protocollo Dnssec (Domain Name System Security Extensions) per i server Dns, grazie ad esso e alle specifiche IETF (Internet Engineering Task Force) associate è stato possibile limitare notevolmente l'efficacia delle azioni di phishing certificando l'autenticità del dominio visitato.

Nello stesso periodo abbiamo assistito alla nascita dell'Osservatorio della Cybersecurity del Cnr, appositamente concepito da Registro.it e dal Consiglio nazionale delle Ricerche per fornire le migliori soluzioni per enti pubblici e imprese in tema di sicurezza informatica, nonché di un master in cybersecurity per diffondere le competenze sul tema.

Continua dopo la pubblicità...

Registro.it è stato poi protagonista di diverse iniziative a carattere educativo, contro il cyberbullismo e a favore della formazione in ambito digitale nelle scuole, e di solidarietà, come per esempio l'allestimento di sale di informatica nelle località colpite da calamità naturali come Paganica in Abruzzo e nei centri di Rocchetta di Vara e Vernazza in Liguria.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.