Per il 59% degli Italiani la banca è anche digitale

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteE-commerce: i rischi della strong authentication per le vendite
  • SuccessivoFirefox: stop ai cookie per il tracciamento di terze parti
Per il 59% degli Italiani la banca è anche digitale

Secondo quanto riportato dallo studio "European Digital Banking 2019" di Mastercard l'uso di applicazioni e siti Web per il Digital banking sarebbe sempre più diffuso anche in Italia. Attualmente il 59% dei nostri connazionali utilizzerebbe questo tipo di soluzioni almeno una volta ogni 2 settimane, il 60% farebbe ricorso alle App mobile e all'Home Banking di banche tradizionali mentre il 30% preferirebbe quelle solo online.

Per quanto riguarda le caratteristiche fondamentali che secondo gli Italiani non dovrebbero mancare negli strumenti per il Digital Banking, al primo posto troviamo la sicurezza, citata nel 79% dei casi, seguita dalla trasparenza con il 29%. Tra i vantaggi citati abbiamo invece risparmio di tempo (53%), facilità d'uso (56%) e convenienza (54%).

Continua dopo la pubblicità...

Attualmente il 46% degli abitanti della Penisola sarebbe ancora indeciso sulla possibilità di passare da un istituto di credito tradizionale ad una banca che opera unicamente in Rete. Non sorprende naturalmente che i più favorevoli a questa ipotesi siano gli appartenenti alla fascia d'età compresa tra i 18 e i 29 anni con il 53% del campione.

Il 20% degli intervistati si sarebbe dichiarato disposto a valutare una migrazione del proprio conto corrente verso piattaforme digital only, ma il continuo incremento dei servizi online e mobile offerto dalle strutture tradizionali sembrerebbe agire da freno a questo fenomeno, con il 22% degli Italiani determinati a non abbandonare la propria banca.

Per quanto riguarda invece le novità correlate alla Direttiva EU PSD2 che presto cambierà il modo di interagire con le piattaforme di pagamento introducendo l'autenticazione a più fattori obbligatoria, solo il 21% degli intervistati si considererebbe pronto alll'appuntamento con il 14 settembre, mentre il 42% ne ignorerebbe in pratica le implicazioni.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.