Advertising: Google sanzionata per 150 milioni di euro

Advertising: Google sanzionata per 150 milioni di euro

L'Autorité de la Concurrence avrebbe deciso di sanzionare Mountain View con una sanzione pari a 150 milioni di euro. L'iniziativa dell'antitrust francese sarebbe stata motivata da un'indagine svolta a carico della piattaforma Google Ads le cui norme sarebbero state definite poco trasparenti e applicate in modo non sempre corretto.

Ora ai responsabili di Big G sarebbero stati concessi 60 giorni di tempo per chiarire in che modo sono state stilate le policy del servizio e in base a quali criteri vengono stabilite ed effettuate le sospensioni degli account. All'azienda californiana spetterebbe anche l'obbligo di intervenire al fine di correggere tutte le procedure per le quali sarebbero stati riscontrati abusi.

In sostanza, secondo l'autorità transalpina, Google avrebbe gestito le relazioni con gli inserzionisti in modo incoerente, ponendo loro in una condizione di sostanziale insicurezza. Le regole di Google Ads sarebbero state interpretate spesso in modo casuale dalla casa madre che, tra l'altro, gestisce il più grande network pubblicitario della Rete.

Molto severe le parole a riguardo di Isabelle de Silva, presidente dell'AdlC, secondo la quale Mountain View avrebbe una sorta di "potere di vita o di morte" a danno delle aziende che dipendono dall'advertising. Alla compagnia statunitense non verrebbe contestato il fatto di imporre delle regole, ma queste dovrebbero essere valide nello stesso modo per chiunque.

Continua dopo la pubblicità...

Google, che secondo le notizie attualmente disponibili avrebbe deciso di ricorrere in appello, sarebbe stata sanzionata in seguito alla sospensione dell'account associato alla società Gibmedia. Big G avrebbe bloccato gli annunci di quest'ultima in seguito alla pubblicazione di annunci pubblicitari ritenuti ingannevoli e dannosi per l'utenza.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.