Anche Adobe è coinvolta in Project Spartan

Anche Adobe è coinvolta in Project Spartan

La Casa di Redmond dovrebbe poter contare su un nuovo collaboratore nello sviluppo del suo prossimo browser Web; l'erede di Internet Explorer implementato in seno a quello che per il momento verrebbe chiamato "Project Spartan" potrebbe essere infatti, e in parte, anche un prodotto degli sforzi di Adobe.

Nello specifico, gli sviluppatori di questa azienda sarebbero attualmente impegnati nel perfezionamento di alcune specifiche relative al nuovo rendering engine denominato "Edge", il programma per la navigazione su Internet di Windows 10 non funzionerà quindi sulla base del motore Trident come accade per il suo predecessore.

Continua dopo la pubblicità...

Per Microsoft la partnership con Adobe rappresenta una piccola rivincita, infatti in passato il gruppo di San Jose aveva contribuito alla stesura del codice di WebKit, il rendering engine di Apple Safari utilizzato da Mountain View per la creazione del fork Blink che viene oggi adottato anche da un'altra applicazione, il browser Web Opera.

I tester che partecipano al programma "Insider" non verranno naturalmente esclusi dalle novità introdotte attraverso questa collaborazione, ma nell'anteprima tecnica di Windows 10 sarà possibile utilizzare il motore Edge attraverso la versione di Internet Explorer in dotazione con la Build 10041; per il momento infatti Spartan non ha ancora prodotto un nuovo browser.

La prima preview di Spartan dovrebbe essere disponibile per le valutazioni iniziali entro il mese di aprile, ma è comunque molto probabile che quest'ultima sarà molto differente (anche per quanto riguarda l'interfaccia grafica) dalla stabile prevista per questa estate; intanto Big M starebbe ricercando un brand con il quale pensionare definitivamente Internet Explorer.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.