Ancora troppo pochi i "nativi digitali"

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteiPhone 5s: le applicazioni si bloccano troppo spesso
  • SuccessivoCrowdFundMe raccoglie capitali online per le startup
Ancora troppo pochi i "nativi digitali"

L'ITU, cioè l'Unione Internazionale delle Comunicazioni, ha recentemente collaborato con i ricercatori del Georgia Institute of Technology per la realizzazione di un modello matematico con il quale calcolare la quota parte della popolazione nativa digitale a livello mondiale.

Secondo i risultati ottenuti tramite tale modello, ad oggi i giovani che potrebbero essere definiti "nativi digitali" (cioè potenzialemente in grado di accedere ad un dispositivo elettronico già in età precoce), sarebbero appena il 30% sul totale dei coetanei.

Sulla base del rapporto "Measuring the Information Society", andrebbero considerati come "nativi digitali" tutti i giovani di età compresa nell'intervallo tra i 15 e i 24 anni con almeno cinque anni di esperienza online; un profilo naturalmenet molto più comune nelle società avanzate.

La scarsa diffusione di questa tipologia di giovani costituirebbe ancora oggi una testimonianza rilevante delle troppe differenze a livello di alfabettizzazione informatica e di accesso alla tecnologia (digital divide) tra le aree economicamente privilegiate e i paesi in via di sviluppo.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.