Android O, come sarà e quando arriverà

Android O, come sarà e quando arriverà

La prossima edizione del Google I/O, manifestazione di Mountain View interamente dedicata agli sviluppatori, si terrà tra il 15 e il 19 maggio 2017; nel corso dell'evento l'azienda californiana presenterà con tutta probabilità il nuovissimo Android O, futura generazione del suo sistema operativo per i dispositivi mobili.

Ma quali saranno le novità di questa piattaforma? Una di esse potrebbero essere i badge per le icone delle applicazioni, tale funzionalità è già disponibile in alcune personalizzazioni operate dai produttori, per esempio per il conteggio delle notifiche, ma questa volta dovrebbe essere integrata direttamente a livello di sistema.

Continua dopo la pubblicità...

Altra feature attesa è la modalità picture-in-picture, una soluzione molto pratica grazie alla quale proseguire nella visualizzazione di un video quando si desiderano utilizzare altre App; il player potrebbe essere infatti ridimensionato e il filmato verrebbe ospitato in una piccola finestra in grado di non disturbare le attività svolte durante la riproduzione.

Interessante anche la possibile modalità Copy Less con la quale sarà il sistema a prevedere la digitazione di un contenuto (ad esempio un indirizzo) sulla base delle interazioni degli utenti e delle loro comunicazioni con altri utilizzatori. La limitazione dei processi in background dovrebbe poi garantire un notevole risparmio energetico ottimizzando le risorse utilizzate.

Ma non basta, sono attese anche le icone adattive, si pensi per esempio all'icona di un'App meteo che assume forme e colori diversi a seconda delle condizioni correnti, così come vi sarebbe grande aspettativa anche per il supporto alle gesture con le nocche che potrebbero essere distinte da quelle operate con i polpastrelli attivando comandi differenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.