App Store: quali sono le App più redditizie?

App Store: quali sono le App più redditizie?

App Store, il market place per il download della applicazioni mobile di Cupertino, ha recentemente raggiunto il traguardo dei primi 10 anni di vita, venne infatti lanciato il 10 luglio 2008. Per celebrare questo risultato l'azienda ha deciso di fornire alcuni dati riguardanti l'attività della piattaforma dal suo debutto ad oggi.

Quali sono state le App più scaricate? In questo caso a festeggiare è in particolare Menlo Park che conquista la prima posizione con Facebook e la seconda con Messanger. Terzo gradino del podio per YouTube che supera altre due soluzioni di proprietà di Mark Zuckerberg e soci: Instagram e WhatsApp, entrambe delle acquisizioni.

Passiamo ora alle applicazioni che si sono dimostrate più redditizie nel corso dell'ultimo decennio, in questo caso la medaglia d'oro dovrebbe essere assegnata a Netflix, con un giro d'affari pari al miliardo di dollari, mentre in seconda posizione troviamo Spotify. Segue Pandora Radio che supera Tencent Video e Tinder.

Per quanto riguarda invece le software house che hanno vantato il maggior numero di download, in cima alla classifica troviamo Google (che è anche titolare di Play Store, il più importante concorrente dell'App Store), secondo posto per l'immancabile Facebook e terza posizione per la cinese Tencent che, tra l'altro, sarebbe anche la società ad aver maturato maggiori ricavi.

Continua dopo la pubblicità...

Sempre relativamente agli introiti, scopriamo che Netflix è solo quarta dopo la già citata Tencent, InterActiveCorp e Line (gruppo che distribuisce l'omonima App di messaggistica molto popolare in Asia). Il gruppo capitanato da Reed Hastings ha comunque conquistato la prima posizione fuori dal podio incentrando la sua strategia su una sola applicazione.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.