Applicazioni sponsorizzate su Play Store

Applicazioni sponsorizzate su Play Store

Sarebbero stati gli stessi portavoce del gruppo di Mountain View a confermare di recente che il loro market place, Google Play Store, ospiterà presto applicazioni sponsorizzate; queste ultime risulteranno immediatamente visibili perché posizionate all'inizio dei risultati prodotti dalla ricerca di un utente sulla piattaforma.

Per inserire un chiaro elemento distintivo rispetto agli altri contenuti, queste applicazioni presenteranno un'apposita etichettatura di colore giallo, inoltre, Big G provvederà a rendere ben visibile la dicitura "Ads" all'interno di queste ultime; le proposte commerciali saranno naturalmente contestualizzate, e quindi attinenti ai termini utilizzati per la formulazione della query.

Tra i primi partner dell'azienda capitanata da Larry Page in questa nuova avventura nel settore della pubblicità online vi è anche la nota piattaforma Booking.com dedicata alla prenotazione di strutture ricettive; la sua applicazione dovrebbe apparire in prima posizione dipo un'interrogazione basata su "hotel reservations".

Questa nuova metodologia promozionale potrebbe rivelarsi particolarmente efficace per gli inserzionisti, infatti il Play Store conterebbe attualmente non meno di un miliardo di frequentatori che accederebbero ad esso da ben 190 paesi diversi; la piattaforma di riferimento per l'advertising delle Apps sarà anche in questo caso AdWords.

Continua dopo la pubblicità...

In realtà tale iniziativa non dovrebbe rappresentare una novità vera e propria, infatti Mountain View aveveva anticipato i cambiamenti oggi in atto già lo scorso febbraio; tra gli altri criteri che influenzeranno i livelli di visualizzazione degli annunci vi dovrebbero essere anche le valutazioni dell'utenza e l'entità dell'investimento effettuata dall'inserzionista.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.