Barclays chiude le porte a Binance

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteStartup costituite senza notaio: il procuratore antimafia è contrario
  • SuccessivoNFT: un mercato da quasi 2.5 miliardi di dollari
Barclays chiude le porte a Binance

Lo scorso mese la Financial Conduct Authority del Regno Unito aveva vietato all'exchange di criptovalute Binance di svolgere qualsiasi tipo di attività all'interno del Paese, fino ad ora tale iniziativa non aveva avuto conseguenze particolarmente rilevanti ma una comunicazione alle clientela da parte di Barclays sembrerebbe smentire l'inefficacia del provvedimento.

In sostanza gli utenti del noto istituto di credito, che opera a livello internazionale, non potranno più trasferire i propri soldi su Binance, né tramite carte di credito né tramite carte di debito. La decisione riguarderebbe nello specifico il trading attraverso quest'ultimo mentre non sarebbero interessati altri exchange come per esempio Kraken o Coinbase Pro.

Seppur nel pieno rispetto della legge Barclays avrebbe comunque deciso di tutelare i propri interessi, questo significa che in ogni caso vi sarà la possibilità di trasferire fondi da Binance verso i conti correnti della banca britannica. Nel comunicato si legge inoltre che il flusso in uscita resterà invece bloccato fino ad eventuali nuovi avvisi.

Per Binance, che attualmente è la più grande piattaforma a livello globale nel settore di riferimento, si tratta sicuramente di un brutto colpo, anche in considerazione del fatto che altri governi, tra cui quelli del Canada e del Giappone, avrebbero programmato delle iniziative volte a limitare gli spostamenti di capitale verso l'exchange che ha sede legale nelle Isole Cayman.

E' molto probabile che nel corso dei prossimi mesi le iniziative delle autorità e delle banche contro gli exchange di criptovalute finiranno per moltiplicarsi, il mercato delle monete virtuali infatti è ancora fortemente deregolamentato ma il loro utilizzo sempre più diffuso starebbe determinando l'esigenza di offrire maggiori strumenti di tutela per i risparmiatori.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti