Coinbase licenzia in seguito al crollo delle criptovalute

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Email
  • CommentaScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFirefox: Total Cookie Protection di Default
  • SuccessivoInternet Explorer sopravvive (in Edge) con la modalità IE
Coinbase licenzia in seguito al crollo delle criptovalute

In questi giorni il mercato della criptovalute sta attraversando uno dei momenti più difficili della sua storia, tanto che nel momento in cui viene scritta questa news il valore del bitcoin si attesta sui 20 mila dollari (quindi molto lontano dal record di quasi 69 mila dollari del 2021), con tendenza ad un ulteriore calo, e quello di ethereum a circa mille dollari.

Tra i fattori che hanno determinato i trend negativi vi sono l'attacco contro il progetto Terra/Luna, l'andamento non esattamente favorevole delle aziende quotate tramite l'indice NASDAQ, il recente rialzo dei tassi di interesse da parte delle banche centrali e, non ultimo, il blocco dei prelievi da parte del sistema di Crypto Lending Celsius.

A conferma del momento critico i vertici di Coinbase, uno dei principali exchange a livello mondiale, avrebbero deciso di dar vita ad una campagna di licenziamenti che dovrebbe coinvolgere circa 1.100 collaboratori. Parliamo nel complesso di un piano di ristrutturazione che dovrebbe coinvolgere circa il 18% degli impiegati in forza al gruppo.

Coinbase è una società quotata in borsa presso Wall Street (anch'essa attraverso il NASDAQ), per questo motivo tale iniziativa è stata comunicata alla SEC (Securities and Exchange Commission) tramite un documento in cui si specifica che i dipendenti licenziati riceveranno supporto per la ricerca di un altro posto di lavoro e degli indennizzi.

Nel comunicato viene sottolineato inoltre come le ultime decisioni siano state prese in considerazione delle attuali condizioni di mercato e con lo scopo di ottimizzare i costi per l'operatività. Coinbase venne quotata in borsa lo scorso anno, quando le criptovalute generavano performance ben superiori a quelle attuali, ora la situazione è profondamente mutata.

Claudio Garau

Web developer, programmatore, Database Administrator, Linux Admin, docente e copywriter specializzato in contenuti sulle tecnologie orientate a Web, mobile, Cybersecurity e Digital Marketing per sviluppatori, PA e imprese.

Non perderti nessuna news!

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Oppure leggi i commenti degli altri utenti