Cybercrime: 6 mila miliardi di dollari di perdite nel 2021

Cybercrime: 6 mila miliardi di dollari di perdite nel 2021

Quale sarà il prezzo delle attività malevole a danno dei sistemi informatici nel corso del 2021? Durante il Forum Economico Mondiale 2020 attualmente in corso a Davos è stata presentata una relazione, stilata in collaborazione con alcuni dei maggiori ISP (Internet Service Provider) a livello globale, tale cifra dovrebbe aggirarsi intorno ai 6 mila miliardi di dollari.

I relatori avrebbero individuato alcune specifiche che potrebbero aiutare aziende e istituzioni a contenere i danni. La prima soluzione da applicare nell'immediato si riassumerebbe in una maggiore collaborazione tra gli stessi provider, questi ultimi dovrebbero poi cooperare con i produttori di software e hardware per rispondere più rapidamente alle nuove minacce.

Sarebbe stata inoltre consigliata la promozione di una cultura della sicurezza più diffusa, sia presso le compagnie che presso i clienti di queste ultime. Una maggiore consapevolezza dei rischi potrebbe proteggere le potenziali vittime dai tentivi di attacco basati sul social engineering che si starebbero estendendo in modo sempre più insistente.

Il social engineering rappresenterebbe oggi una tecnica più utilizzata del phishing, il 33% dei data breach registrati lo scorso anno sarebbero stati una conseguenza della prima contro il 32% del secondo. In generale l'85% dei tentativi di attacco subiti da organizzazioni di vario genere sarebbe basata su procedure di social engineering o phishing.

Continua dopo la pubblicità...

Dal World Economic Forum 2020 sarebbero stati lanciati degli inviti ad una maggiore responsabilizzazione dei governi riguardo a tematiche come la Cybersecurity e il Cybercrime, questo anche in considerazione del fatto che un contesto caratterizzato da maggiore sicurezza potrebbe determinare anche un incremento dei profitti per le attività coinvolte.

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.