Europa: 20 milioni di nuovi posti di lavoro con il 5G

Europa: 20 milioni di nuovi posti di lavoro con il 5G

Quale sarà l'impatto occupazionale del 5G sul mercato del lavoro europeo? Secondo le stime formulate dai ricercatori di Accenture in seguito ad uno studio condotto per il colosso dei semiconduttori Qualcomm, la diffusione del nuovo standard per le connessioni ultraveloci su rete dati potrebbe portare alla creazione di almeno 20 milioni di posti di lavoro.

Ciò dovrebbe avvenire entro il 2025 mentre il contributo in termini di PIL (Prodotto Interno Lordo) potrebbe aggirarsi intorno ai mille miliardi di dollari, una cifra elevata ma comunque inferiore a quella degli Stati Uniti dove, nello stesso periodo, si prevede un contributo pari a 1.500 miliardi di dollari e un totale di 16 milioni di nuovi posti di lavoro.

Per quanto riguarda i comparti che con tutta probabilità beneficeranno maggiormente del 5G, questi dovrebbero essere in particolare l'industria animata dalle tecnologie abilitanti come IoT, AI e Big Data (quindi la cosiddetta Industria 4.0), la Sanità, il trasporti, l'automotive, le comunicazioni e in generale qualsiasi attività di tipo Data Driven.

Tali stime sarebbero dovute anche alle previsione ottimistiche da parte degli ambienti produttivi, a tal proposito basterebbe citare il fatto secondo cui le fabbriche potrebbero incrementare la propria produttività tra il 20 e il 30% mentre il settore agricolo attende un aumento dell'efficienza del 15% per i terreni, minori costi per il 20% e un 25% in più di produttività.

Continua dopo la pubblicità...

Buone anche le previsioni per quanto riguarda il risparmio energetico che grazie al 5G dovrebbe migliorare di almeno il 12%, tali risultati saranno però possibile anche con il supporto di agevolazioni fiscali che siano in grado di favorire lo sviluppo di progetti pilota. Per molti versi infatti l'implementazione di tecnologie in grado di sfruttare il 5G è soltanto agli inizi.

  • Argomenti:

I commenti degli utenti

I commenti sono liberi: non è necessario iscriversi per poter commentare su questa pagina. Tutti i commenti, tuttavia, sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.