Facebook investe sulle local news

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFine del supporto mainstream per Windows 8.1
  • SuccessivoWindows: security patch sì, ma dipende dall'antivirus
Facebook investe sulle local news

Gli sviluppatori del social network più grande della Rete starebbero sperimentando una nuova piattaforma dedicata alle news locali, l'idea dovrebbe essere quella di proporre agli utenti dei contenuti di attualità riguardanti le zone in cui vivono. Tale novità sarebbe destinata a diventare una sezione permanente di Facebook chiamata "Today In".

Almeno per ora gli utenti in grado di accedere al servizio sono pochissimi e risiederebbero in alcune località statunitensi tra cui New Orleans, Little Rock, Billings, Peoria, Olympia e Binghamton. Una volta superata la fase di sperimentazione "Today In" potrebbe essere localizzata per altri mercati tra cui quello italiano.

Continua dopo la pubblicità...

La piattaforma non avrà alle spalle una singola redazione, alla selezione delle news contribuirà infatti un algoritmo basato sul Machine Learning che, con il tempo, imparerà a mostrare i contenuti più adatti a ciascun lettori. E' inoltre prevista la collaborazione di editori locali che potranno incrementare l'offerta disponibile.

Seguendo le direttive del Journalism Project, progetto con il quale Menlo Park cerca di arginare il dilagante fenomeno delle fake news, Mark Zuckerberg e soci accetteranno unicamente utenti verificati; in questo modo verrà garantita una maggiore accuratezza delle fonti e gli utenti potranno accedere a contenuti di maggiore qualità.

Il Sito in Blue dovrebbe provvedere ad avvertire i propri membri ogni volta che "Today In" verrà attivato nella loro area di residenza. A questo punto soltanto gli eventuali feedback positivi dei tester selezionati per la sperimentazione, nonché un'ampia partecipazione degli editori interessati, potrà garantire un futuro all'iniziativa.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.